MCINTOSH MC462

NOVEMBRE 2019

Dopo qualche anno di prove, cambi, esperimenti ed esperienze molto importanti, come ad esempio quella piu' recente, fatta con il Kondo Souga, ho deciso di tornare ad un mio vecchio amore, Mcintosh, ed ho deciso di farlo, avendo capitalizzato non poco dalla vendita del finale nipponico, prendendo il meglio della attuale produzione della casa americana.

Piu' precisamente oltre a questo finale, il preamplificatore a valvole con DAC incorporato Mcintosh C2600 e la meccanica di trasporto cd/sacd Mcintosh MCT450

Questa decisione origina piu' da un momento di stanchezza, dalla voglia di semplificazione, quella semplicita' di utilizzo che puo' offrire un impianto monomarca, gestito persino da un unico telecomando.

Una cosa e' certa, le armoniche e la magia del Kondo me le posso dimenticare, ma laddove ho perso qualcosa, certamente altrove ho guadagno e più precisamente in dinamica e pressione sonora.

Le mie Jamo Reference 909gia' dal primo assaggio, sembra che abbiano assai gradito i 450 watt! erogati dai transistors del 462, al posto degli 8 (meravigliosi) watt prodotti dalle valvole del Kondo Souga. 

Tolto il finale Mcintosh MC302, messo sotto qualche giorno per prova e poi venduto, ho inserito al suo posto questa meraviglia che, seppur molto simile al 302, si distingue per la presenza delle maniglie che lo fanno sembrare tutta un'altra cosa.

Il finale MC462 e' l'attuale punta di diamante della produzione Mcintosh nelle amplificazioni stereo, dopo di lui si passa ai due telai, con il modello MC601/611 mono, quindi questo e' il finale stereo piu' potente oggi prodotto dalla casa di Binghamton.

Qualche anno fa nel listino c'era anche il titanico MC602 che ho avuto la fortuna di possedere e del quale potete leggere la relativa recensione.

Nonostante il suo costo, non proprio a buon mercato, sta' diventando, in questo anno o poco piu' di commercializzazione dalla sua uscita, un vero best seller, così come è stato per il suo predecessore l'MC452.

Come si vede dalle foto qui sopra, il 462 ha le stesse dimensioni del 302 ma pesa 52 kg. contro 47 ed ha due connettori in piu' per i diffusori, o meglio, ha tre positivi e tre negativi rispettivamente per 2, 4 ed 8 ohm, mentre il 302 ha il negativo comune ed i tre connettori per le rispettive impedenze.

La vera differenza estetica tra i due, oltre alle menzionate maniglie frontali, la troviamo nel nuovo layout delle coperture dei trasformatori di uscita (autoformer), scatolati in involucri di alluminio chiusi da coperchi avvitati con brugole esagonali e con inserti in vetro, al posto dei consueti scatolotti in lamiera coperti dai classici adesivi in gomma, che hanno caratterizzato le produzioni precedenti.

Il risultato estetico e' davvero notevole, pur mantenendo la tradizione, si nota lo sforzo di Mcintosh nell'innovare e nell'adeguarsi a canoni estetici nuovi, piu' moderni, senza che questo stravolga l'immagine iconica delle sue elettroniche, che le rende riconoscibili da sempre.

Il frontale realizzato nel classico vetro, non differisce minimamente dal 302, cosi' come dagli altri finali di casa Mcintosh, qui in piu' ci sono, come detto, le due belle maniglie in alluminio, lavorato dal pieno, indispensabili per muoverlo o trasportarlo in quanto e' un monolite di oltre 52 kg. e non e' proprio facile da maneggiare.

Leggendo le caratteristiche, anche l'illuminazione del pannello e dei vu-meter e' stata migliorata con la tecnologia a led diretti ma le vere innovazioni e differenze sono da cercare all'interno: nuovi cablaggi di maggiore qualita' e soprattutto nuovi e piu' capaci condensatori in grado di aumentare la resa dinamica di oltre il 60% rispetto al suo illustre predecessore, l'MC452.

Particolare delle alette di raffreddamento, una vera chicca, il logo Mc realizzato con l'alluminio dei dissipatori di calore.

Un'altra novita' e' la presenza di un interruttore sul posteriore che abilita o disabilita l'auto-spegnimento della macchina dopo un periodo di assenza di segnale o di inattivita'.

Io l'ho abilitato ma ho anche connesso tutti gli apparecchi con i cavetti jack stereo da 3,5" trigger cosi' che accendendo il preamplificatore C2600, accendo tutto il resto dell'impianto. 

Per il segnale l'ho collegato in bilanciato (xlr) al pre C2600 tramite cavi Cardas Parsec da 60cm. e per la potenza, con cavi Monster Cable M2.4s da 15' ai diffusori Jamo R909.

Il 462 e' pronto per regalarmi ore di musica ed emozioni, mi auguro, che non mi faccia rimpiangere troppo il Kondo Ssougama quel poco che sono riuscito ad ascoltare fin'ora mi e' piaciuto molto ed ha evidenziato da subito un maggior controllo delle basse frequenze rispetto all'MC302, che risultava un po piu' gonfio e lungo sugli estremi della gamma bassa. Si sente una diversa gestione e soprattutto una maggior definizione di quella porzione di frequenza, notoriamente un problema o forse una caratteristica dei finali Mcintosh. 

OTTOBRE 2020

 

Ho fatto upgrade della parte pre togliendo il pur buon C2600 inserendo il top di gamma della produzione di preamplificatori Mcintosh il C1100 due telai che vedete nella foto qui sopra.

L'apporto in termini di qualità e dinamica è davvero devastante, mai nella mia vita di audiofilo ho sentito così tanto l'apporto di un preamplificatore, inserito in un impianto esistente e già di buon livello.

Il 462 ha gradito il nuovo inserimento ed ora si esprime ancor più deciso rivelando tutte le sue potenzialità.

Come ho scritto nella recensione dell'MC302, i Mcintosh, facendo un parallelo motoristico, sono un po come i motori V8 americani, se viaggi a 120Km/h stai dentro i 1500 giri/minuto, ma se scali due marce e porti l'asticella del contagiri vicino alla linea rossa dei 7000rpm, cambia tutto. Ecco, questo amplificatore, come tutti i finali Mcintosh che ho avuto modo di possedere e provare, fino al 50% del volume hanno un suono ed una risposta dinamica normale, passato quel segno, si trasformano in qualcos'altro, ma non è solo muscoli e potenza, è dinamica, controllo, apertura, difficile resistere alla voglia di salire e salire ancora, diffusori permettendo, quasi per vedere dove si arriva. La presenza dei trasformatori d'uscita divide il popolo degli estimatori e dei detrattori del marchio, sicuramente un Krell o un Pass suonano in modo diverso, non sono io a poter dire, meglio o peggio, ma sicuramente l'affidabilità e la durata nel tempo di un Mcintosh, sono pochi a poterla garantire o vantare.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE:

AMPLIFICATORE FINALE DI POTENZA STEREOFONICO A STATO SOLIDO QUAD BALANCED.

POTENZA 450 WATT PER CANALE SU 2, 4 E 8 OHM - TRASFORMATORI D'USCITA CON TECNOLOGIA PROPRIETARIA AUTOFORMER.

STADIO DI ALIMENTAZIONE E CAPACITA` DI FILTRO POTENZIATI CON DINAMICA E PRESTAZIONI DELLE BASSE FREQUENZE SENZA PRECEDENTI.

EFFICIENTISSIMO SISTEMA DI DISSIPAZIONE MONOGRAMMED HEATSINKS CON LOGO MC SAGOMATO SULLE ALETTE E TRANSISTOR AD ALTA CORRENTE IN GRADO DI GARANTIRE LE MASSIME PRESTAZIONI SONORE SIN DALL'AVVIO.

SISTEMI DI PROTEZIONE PROPRIETARI DEI DIFFUSORI E DI PREVENZIONE DEL CLIPPING POWER GUARD E SENTRY MONITOR.

VU-METER CON RETROILLUMINAZIONE DIRECT LED - FUNZIONE AUTO-OFF ESCLUDIBILE.

INGRESSO E DOPPIA USCITA TRIGGER POWER CONTROL.

INGRESSI E USCITE (PER FACILITARE LA BI/TRI-AMPLIFICAZIONE, VEICOLARE IL SEGNALE AD UN SECONDO IMPIANTO O PER COLLEGARE UN SUBWOOFER) BILANCIATI XLR E SBILANCIATI RCA.

POWER OUTPUT PER CHANNEL: 450W @ 2, 4 or 8 Ohms

NUMBER OF CHANNELS: 2

TOTAL HARMONIC DISTORTION: 0.005%

S/N BELOW RATED OUTPUT: 122dB

DYNAMIC HEADROOM: 3.0dB

DAMPING FACTOR: >40 Wideband

RATED POWER BAND: 20Hz to 20kHz

FREQUENCY RESPONSE: +0, -0.25dB from 20Hz to 20,000Hz; +0, -3.0dB from 10Hz to 100,000Hz

REMOTE POWER CONTROL: Yes

CIRCUIT CONFIGURATION: Quad Balanced

CIRCUIT DESIGN: Solid State

AUTOFORMER: Yes

METERS: Yes

METER LIGHT SWITCH: Yes

BALANCED INPUT: 2

FRONT PANEL: Glass with handles

ILLUMINATION: Direct LED

CHASSIS STYLE: Polished stainless steel & black painted steel

SPEAKER BINDING POST TYPE: Patented Solid Cinch™ Speaker Binding Posts

DIMENSIONS (W X H X D): 17-1/2″ (44.45cm) x 9-7/16″ (23.97cm) (including feet) x 22-1/2″ (57.2cm) (including front panel, handles and cables)

DIMENSIONI (L X A X P) 445 X 240 X 572 MM - PESO 52,3 KG

MC462 brochure 35107900.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.9 MB
mc462om01 (5).pdf
Documento Adobe Acrobat 7.6 MB

UNBOXING MC462: